/

1
2
3

Il Signore di Campagna

Durante la scuola di specializzazione in scienza e tecnologia cosmetica dell’università di Siena ho ideato il brand  “Il Signore di Campagna“ in onore delle persone libere d’animo, virtuose di quello che hanno, in simbiosi con il nostro territorio del Chianti. Signori lo si è nello spirito. Non ho interesse per le mode contingenti, lo sforzo è stato quello di preparare qualcosa che avesse un valore duraturo, di recuperare il meglio del passato. Abbiamo investito risorse e tempo nella creazione di una casa laboratorio artigianale dotata di tutti gli strumenti necessari alla produzione cosmetica naturale. Solo ora, pur consapevoli dei nostri limiti, con l’aiuto della mia famiglia, delle miei collaboratrici e di Niccolò, amico e cosmetologo, stiamo cercando timidamente di affrontare il mercato con paure e grandi speranze.

Corrado Salvini

Prepariamo artigianalmente i nostri cosmetici  nella nostra casa laboratorio  all’interno di un vecchio palazzo dove per decenni abili artigiani avevano ricamato preziosi tessuti. Fare una buona crema è la nostra missione che richiede  preparazione, fortuna e scelta rigorosa d’ ingredienti di elevata qualità.

Crediamo in una cosmetica verde, rispettosa dell’ambiente, figlia del nostro territorio. Nelle creme nessuna goccia di silicone tanto caro ai grossi nomi della profumeria internazionale, ma solo oli vegetali, burri e cere, olio di oliva del territorio ottenuto da frutti acerbi, emulsionanti da grano, zucchero, da olio di girasole, estratti di uva. L’acqua utilizzata è ad uso farmaceutico, completa di analisi per ogni lotto; spesso utilizziamo idrolati da piante officinali del nostro territorio del Chianti che reputo molto interessanti. Il compito del cosmetologo che può apparire semplice per gli sciocchi, richiede una conoscenza della chimica degli ingredienti cosmetici molto profonda e questa può non essere sufficiente se non c’è sensibilità. Negli ultimi anni ci siamo lanciati anche nella creazione di profumi di nicchia senza velleità artistiche ma con la solita passione. Chi non sa apprezzare un tramonto, una rosa appena sbocciata, l’odore dopo un temporale difficilmente sarà un buon formulatore.